Transito di San Francesco

Transito-sfInno

E’ discesa la notte sul mondo,

il creato e avvolto nell’ombra:

il Serafico Padre Francesco

la sua vita conclude sereno.

Ha nel suo cuore un incendio d’amore,

nel suo Dio ha la mente rapita;

i suoi figli lo imploran dolenti:

tu non devi lasciar il tuo gregge.

Leva gli occhi il Serafico Padre,

stende sopra di loro la destra:

<<Su voi scenda qual provvida pioggia

Abbondante la grazia divina.

Allontani da tutti il peccato,

alimenti nei cuori l’amore,

nelle menti riaccenda la luce

che rischiara  e conduce alla meta>>.

Sulle labbra si spegne la voce,

il suo spirito è in cielo rapito:

il suo volto rivela raggiante

la perfetta letizia celeste.

Gloria al Padre e al Figlio cantiamo,

e allo Spirito Consolatore;

Trinità sempiterna e beata

Che glorifica in cielo. Amen

images (1)

Inno 

Francesco poverello,

rivestito di grazia,

ascende lieto ingloria

nel regno dei beati.

Esce umile e nudo

Dalla scena del mondo,

de entra ricco nel cielo

festeggiato dagli angeli.

Nel suo fragile corpo

Reca impressi i sigilli

dell’Agnello immolato sul legno della croce.

Dolce padre dei poveri,

amico della pace,

tu splendi come un sole

nella Chiesa di Dio!

A te sia lode, o Cristo, Parola del Dio vivo,

che sveli nei tuoi santi

la gioia dell’Amore. Amen