XIV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO C)

 LITURGIA DELLA PAROLA

Prima lettura: Is 66,10-14

Salmo responsoriale: Sal 65

Seconda lettura: Gal 6,14-18

Ascolta il vangelo audio:
 http://dolcesentire.myblog.it/media/02/02/4213055460.3.mp3

Forma breve: Vangelo secondo Luca (Lc 10,1-9):

IX domenica del tempo ordiario, anno C, vangelo della domenica 07/07/2013, gesù manda gli apostoli, annunciare il vangelo, Vangelo di Luca (Lc 10,1-9):In quel tempo, il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi.

Diceva loro: «La messe è abbondante, ma sono pochi quelli che vi lavorano! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi chi lavori nella sua messe! Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi; non portate borsa, né sacca, né sandali e non fermatevi a salutare nessuno lungo la strada.

In qualunque casa entriate, prima dite: “Pace a questa casa!”. Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi. Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all’altra.

Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: “È vicino a voi il regno di Dio”».


COMMENTO AL VANGELO

Di fronte ai primi successi, i discepoli sono entusiasti. Ma Gesù dà loro un messaggio ben preciso, che è importante anche per noi. Il vero motivo per cui gioire non è quello che abbiamo fatto di buono verso gli altri. Questo, è vero, è sempre bello e dà gioia. Ma dobbiamo gioire perché Dio ha scritto i nostri nomi in cielo. E’ un modo per dire che ci ha scelto dall’eternità e ci ha amato di amore infinito. Il suo amore per noi non dipende da quanto siamo bravi. Egli ci ama così come siamo e fa di noi gli oggetti privilegiati della sua misericordia. Quindi, annunciare agli altri il suo amore paterno deriva dal fatto che abbiamo il cuore talmente pieno dell’amore che egli riversa su di noi, da sentire la necessità di condividerlo con gli altri.

 

PER VIVERE DA DISCEPOLO DI GESU’.. Anche a me Cristo affida una missione: la compirò portando la pace.