FESTA DI SAN FRANCESCO D’ASSISI, PATRONO D’ITALIA

caravaggio-san-francesco-di-assisi-in-estasi

Inno 

Esaltiamo col canto e la lode

Il Serafico Padre San Francesco:

or trionfa glorioso nel cielo

chi fu l’umile servo qui in terra.

Dal modello divino rapito,

segue Cristo portando la Croce;

sottomette allo spirito il corpo

in totale rinuncia del mondo.

Il mirabile esempio rifulge,

a sé attira discepoli e figli:

le ricchezze celesti egli addita

 a chi è spoglio di quelle terrene.

Accompagna, o serafico Padre,

i tuoi figli nell’arduo cammino.

Fa che portino gli uomini a Dio

con l’esempio di fede e di amore.

Gloria al padre e al Figlio cantiamo

e allo Spirito Consolatore;

Trinità sempiterna e beata

Che glorifica gli umili in cielo. Amen.

Fu riconosciuto dal Signore giusto e perfetto, e al tempo della rovina fu un restauratore.

Transito di San Francesco

Transito-sfInno

E’ discesa la notte sul mondo,

il creato e avvolto nell’ombra:

il Serafico Padre Francesco

la sua vita conclude sereno.

Ha nel suo cuore un incendio d’amore,

nel suo Dio ha la mente rapita;

i suoi figli lo imploran dolenti:

tu non devi lasciar il tuo gregge.

Leva gli occhi il Serafico Padre,

stende sopra di loro la destra:

<<Su voi scenda qual provvida pioggia

Abbondante la grazia divina.

Allontani da tutti il peccato,

alimenti nei cuori l’amore,

nelle menti riaccenda la luce

che rischiara  e conduce alla meta>>.

Sulle labbra si spegne la voce,

il suo spirito è in cielo rapito:

il suo volto rivela raggiante

la perfetta letizia celeste.

Gloria al Padre e al Figlio cantiamo,

e allo Spirito Consolatore;

Trinità sempiterna e beata

Che glorifica in cielo. Amen

images (1)

Inno 

Francesco poverello,

rivestito di grazia,

ascende lieto ingloria

nel regno dei beati.

Esce umile e nudo

Dalla scena del mondo,

de entra ricco nel cielo

festeggiato dagli angeli.

Nel suo fragile corpo

Reca impressi i sigilli

dell’Agnello immolato sul legno della croce.

Dolce padre dei poveri,

amico della pace,

tu splendi come un sole

nella Chiesa di Dio!

A te sia lode, o Cristo, Parola del Dio vivo,

che sveli nei tuoi santi

la gioia dell’Amore. Amen

Festa di San Francesco

Preghiera 1

Altissimo e glorioso Dio,

illumina le tenebre del cuore mio.

Dammi fede retta, speranza certa e carità perfetta.

Dammi umiltà profonda, sapienza e conoscenza

Affinchè io serva i tuoi comandamenti

E faccia la tua volontà. Amen

ofs2

Preghiera 2

Il nostro corpo è la nostra cella

Dovunque siamo e andiamo, noi abbiamo la cella con noi: Fratello corpo è la nostra cella, e l’anima è l’eremita che vi abita dentro per pregare il Signore e meditare su di lui.

Perciò se l’anima non rimane in tranquillità e solitudine nella sua cella, di ben poco giovamento è per il religioso quella fabbricata con le mani.

FF 1659

Festa di San Francesco

In preparazione alla festa del santo di Assisi….

Preghiera di San Francesco

ofs2

Preghiera Semplice

Tutto ciò che questa preghiera esprime si può ritrovare nella vita del Santo e nel suo anelito ad essere uno strumento di pace e di gioia.

Signore, fa di me

Uno strumento della tua pace:

Dove è odio, fa ch’io porti l’amore,

Dove è offesa, ch’io porti il perdono,

Dove è discordia, ch’io porti l’unione,

Dove è dubbio, ch’io porti la fede.

Dove è errore, ch’io porti la verità,

Dove è disperazione, ch’io porti la speranza,

Dove è tristezza, ch’io porti la gioia,

Dove è tenebra, ch’io porti la luce.

 

Maestro, fa che io non cerchi tanto

Di esser consolato, quanto a consolare;

Di essere compreso, quanto a comprendere;

Di essere amato, quanto ad amare.

 

Poiché, così è:

Dando, che si riceve;

Perdonando, che si è perdonati;

Morendo, che si risuscita a Vita eterna.

Festa di San Francesco

In Preparazione alla Festa del Santo di Assisi

Preghiere di San Francesco

Come le Virtù allontanano i vizi

Dove è carità e sapienza,

ivi non è timore né ignoranza.

Dove è pazienza e umiltà,

ivi non è ira né turbamento.

Dove è povertà con letizia,

ivi non è cupidigia né avarizia.

Dove è quiete e meditazione

ivi non è affanno né dissipazione.

Dove è il timore del Signore a custodire la sua casa,

ivi il nemico non può trovare via d’entrata.

Dove è misericordia e discrezione,

ivi non è superfluità né durezza.

(FF 177)

 tao150 (1)

 

La sapienza del cuore

Tutti noi guardiamoci da ogni superbia e vana gloria,

e difendiamoci dalla sapienza di questo mondo e dalla prudenza della carne.

Lo spirito della carne, infatti, vuole e si preoccupa molto di possedere parole, ma poco di attuarle, e cerca non la religiosità e la santità che appaia al di fuori agli uomini.

E’ di questi che il Signore dice <<In verità vi dico, hanno già ricevuto la loro ricompensa>>.

Lo spirito del Signore invece vuole che la carne sia mortificata …. E ricerca l’umiltà e la pazienza, la pura semplicità e la vera pace dello spirito.

 

(FF 48)