SETTIMANA SANTA

1- Breve Riflessione sulla Settimana Santa

gesu38

La Settimana, che inizia con la Domenica delle Palme, viene giustamente chiamata Santa, perché in essa, non solo si ricordano, ma si celebrano i grandi misteri della nostra redenzione: da quella Settimana l’umanità intera ha ricominciato e può oggi ricominciare a vivere la vera ragione del suo essere ed esistere, ossia come figli di Dio, quindi eredi del Paradiso.

E’ davvero incredibile ciò che Gesù ha vissuto per ciascuno di noi. Non ci poteva essere un amore più grande. Dio si è preso sulle spalle le nostre colpe: un atto d’amore divino su cui dovremmo meditare per giungere a ringraziare infinitamente, in ogni istante della nostra esistenza. Con la sua passione e risurrezione Gesù, Figlio di Dio, ci ha resi nuovamente creature capaci di Paradiso… se accogliamo e viviamo la sua vita in noi.

Dal Mercoledì delle Ceneri la parola del Signore, come in un pellegrinaggio spirituale, ci ha preso per mano e ci ha accompagnato perché fossimo pronti ad accogliere la Settimana Santa.

Nei giorni prossimi la parola di Dio si intensificherà affinchè i nostri occhi non si stacchino da Gesù, ma lo seguano passo dopo passo per apprendere dai suoi gesti il suo amore per tutti. Sì, dobbiamo tener fissi i nostri occhi sul volto di Gesù che accetta la morte pur di salvarci. Solo così potremo incontrare i suoi occhi affranti dal dolore, ma sempre pieni di misericordia e affetto, che ci guarderanno come guardarono Pietro, che pure lo aveva tradito, e sentiremo nel profondo del cuore un nodo di dolore e di tenerezza assieme, e inizieremo a seguirlo con un cuore nuovo.

                      Sulla Tua Parola

DOMENICA DI PASQUA – RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO C)

 

risurrezione, pasqua, gesù risorto, domenica di pasqua 20013, vangelo della domenica di pasqua, vangelo di giovanni 20,1-9, maria maddalena, gesù appare a maria maddalena, gioia, vita eterna, amore infinito, salvatore, gesù il redentore, morte del peccato

LITURGIA DELLA PAROLA

Prima lettura: At 10,34.37-43

Noi abbiamo mangiato e bevuto con lui dopo la sua risurrezione dai morti.

Salmo responsoriale: Sal 117

Questo è il giorno che ha fatto il Signore: rallegriamoci ed esultiamo.

Seconda lettura: Col 3,1-4

Cercate le cose di lassù, dove è Cristo.

Ascolta il vangelo audio:
 http://dolcesentire.myblog.it/media/02/02/4213055460.mp3

Vangelo: Gv 20,1-9

risurrezione,pasqua,gesù risorto,domenica di pasqua 20013,vangelo della domenica di pasqua,vangelo di giovanni 20,1-9,maria maddalena,gesù appare a maria maddalena,gioia,vita eterna,amore infinito,salvatore,gesù il redentore,morte del peccatoIl primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro.

Corse allora e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!».

Pietro allora uscì insieme all’altro discepolo e si recarono al sepolcro. Correvano insieme tutti e due, ma l’altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò.

Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro e osservò i teli posati là, e il sudario – che era stato sul suo capo – non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte.

Allora entrò anche l’altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette. Infatti non avevano ancora compreso la Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti.

RIFLESSIONE

<<Il Signore Gesù è veramente risorto>>. Questo è il solenne annuncio pasquale che risuona in tutto il mondo. Con la sua risurrezione Gesù conferma ciò che diceva di essere: <<Io sono la risurrezione e la vita; chi crede in me non morirà in eterno>>. Cristo è risorto! E’ il grido che sconvolse i discepoli in quel lontano giorno di Pasqua e li riempì i gioia. Cristo è risorto! Questa, anche per noi oggi, è la Lieta Notizia che ha il potere di cambiarci la vita: di colmarla di gioia, di pace, di coraggio, di luce.. di quella vera felicità che finora, forse, abbiamo cercato senza trovare. La risurrezione è il mistero che riassume tutti i misteri della vita del Signore. Ma i “misteri” germogliano e maturano nel silenzio della preghiera. Fermati in preghiera, chiudi gli occhi e guarda dentro di te. La vita che ti porterà all’incontro con il Risorto è la stessa via che ti porterà nel profondo di te stesso, nella parte più profonda del tuo essere. E’ là che il Signore risorto abita e vuole incontrarti! E intanto ripeti con forza queste parole: <<Sì, io credo, Gesù, che tu sei veramente risorto! Credo che tu sei il Signore!

Per vivere da discepolo di Gesù….Non c’è spazio, oggi, per la tristezza, per la malinconia: è il momento della festa. Signore, che con la tua risurrezione mi hai aperto l’ingresso alla vita eterna, dammi la grazia di vivere da risorto ogni istante della mia vita.

Sull’esempio di Maria….Cosa cambia nella mia vita il fatto che il Signore è risorto? Sul modello di Maria, desidero vivere annunciando con gioia:<<Cristo è risorto! Veramente è risorto! Alleluia!>>.

SULLA TUA PAROLA