TUTTI I SANTI

Festa di Tutti i Santi

Tutti i Santi

<<La festa di tutti i Santi, che celebriamo, ci ricorda che il traguardo della nostra esistenza non è la morte, è il Paradiso! Lo scrive l’apostolo Giovanni: “Ciò che saremo non è stato ancora rivelato. Sappiamo però che quando egli si sarà manifestato, noi saremo simili a lui, perché lo vedremo così come egli è”. I Santi, gli amici di Dio, ci assicurano che questa promessa non delude. Nella loro esistenza terrena, infatti, hanno vissuto in comunione profonda con Dio. I Santi non sono superuomini, né sono nati perfetti. Sono come noi, sono persone che prima di raggiungere la gloria del cielo hanno vissuto una vita normale, con gioie e dolori, fatiche e speranze. Ma cosa ha cambiato la loro vita? Quando hanno conosciuto l’amore di Dio, lo hanno seguito con tutto il cuore, senza condizioni e ipocrisie; hanno speso la loro vita a servizio degli altri, hanno sopportato sofferenze e avversità senza odiare e rispondendo al male con il bene, diffondendo gioia e pace. I Santi sono uomini e donne che hanno la gioia nel cuore e la trasmettono agli altri. Mai odiare, ma servire gli altri, i più bisognosi; pregare e vivere nella gioia; questa è la strada della santità!>>. (Papa Francesco)

LITURGIA DELLA PAROLA

Prima lettura: Ap 7,2-4.9-14

Dal libro dell’Apocalisse di san Giovanni apostolo

Io, Giovanni, vidi salire dall’oriente un altro angelo, con il sigillo del Dio vivente. E gridò a gran voce ai quattro angeli, ai quali era stato concesso di devastare la terra e il mare: «Non devastate la terra né il mare né le piante, finché non avremo impresso il sigillo sulla fronte dei servi del nostro Dio». E udii il numero di coloro che furono segnati con il sigillo: centoquarantaquattromila segnati, provenienti da ogni tribù dei figli d’Israele. Dopo queste cose vidi: ecco, una moltitudine immensa, che nessuno poteva contare, di ogni nazione, tribù, popolo e lingua. Tutti stavano in piedi davanti al trono e davanti all’Agnello, avvolti in vesti candide, e tenevano rami di palma nelle loro mani. E gridavano a gran voce: «La salvezza appartiene al nostro Dio, seduto sul trono, e all’Agnello». E tutti gli angeli stavano attorno al trono e agli anziani e ai quattro esseri viventi, e si inchinarono con la faccia a terra davanti al trono e adorarono Dio dicendo: «Amen! Lode, gloria, sapienza, azione di grazie, onore, potenza e forza al nostro Dio nei secoli dei secoli. Amen». Uno degli anziani allora si rivolse a me e disse: «Questi, che sono vestiti di bianco, chi sono e da dove vengono?». Gli risposi: «Signore mio, tu lo sai». E lui: «Sono quelli che vengono dalla grande tribolazione e che hanno lavato le loro vesti, rendendole candide nel sangue dell’Agnello».

Parola di Dio

 

Salmo responsoriale: Sal 23

Ecco la generazione che cerca il tuo volto, Signore.

 Del Signore è la terra e quanto contiene:

il mondo, con i suoi abitanti.

È lui che l’ha fondato sui mari

e sui fiumi l’ha stabilito.

 

Chi potrà salire il monte del Signore?

Chi potrà stare nel suo luogo santo?

Chi ha mani innocenti e cuore puro,

chi non si rivolge agli idoli.

 

Egli otterrà benedizione dal Signore,

giustizia da Dio sua salvezza.

Ecco la generazione che lo cerca,

che cerca il tuo volto, Dio di Giacobbe.

 

Seconda lettura: 1Gv 3,1-3

Dalla prima lettera di san Giovanni Apostolo

Carissimi, vedete quale grande amore ci ha dato il Padre per essere chiamati figli di Dio, e lo siamo realmente! Per questo il mondo non ci conosce: perché non ha conosciuto lui.  Carissimi, noi fin d’ora siamo figli di Dio, ma ciò che saremo non è stato ancora rivelato. Sappiamo però che quando egli si sarà manifestato, noi saremo simili a lui, perché lo vedremo così come egli è. Chiunque ha questa speranza in lui, purifica se stesso, come egli è puro.

Parola di Dio

 

Canto al Vangelo (Mt 11,28)

Alleluia, alleluia.

Venite a me,

voi tutti che siete stanchi e oppressi,

e io vi darò ristoro.

Alleluia.

 

Vangelo: Mt 5,1-12

Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, vedendo le folle, Gesù salì sul monte: si pose a sedere e si avvicinarono a lui i suoi discepoli. Si mise a parlare e insegnava loro dicendo:

«Beati i poveri in spirito,

perché di essi è il regno dei cieli.

Beati quelli che sono nel pianto,

perché saranno consolati.

Beati i miti,

perché avranno in eredità la terra.

Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia,

perché saranno saziati.

Beati i misericordiosi,

perché troveranno misericordia.

Beati i puri di cuore,

perché vedranno Dio.

Beati gli operatori di pace,

perché saranno chiamati figli di Dio.

Beati i perseguitati per la giustizia,

perché di essi è il regno dei cieli.

Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli».

Parola del Signore

 

COMMENTO

2a LETTURA – Se è vero che la santità è una meta che siamo chiamati a raggiungere, con fatica e impegno, non dobbiamo però dimenticare che essa è anche una realtà che già ci appartiene per il fatto di essere figli di Dio. Il Padre celeste, nel Battesimo ci ha generati come suoi figli donandoci la santità della sua stessa vita. Dio è santo e noi, figli suoi, non possiamo che essere santi. Renditi conto, oggi, del grande dono di amore che Dio ti ha Fatto: tu sei già, realmente, figlio di Dio e sei chiamato a manifestare nella vita di ogni giorno la sua santità, fino al momento in cui essa raggiungerà la sua pienezza: quando vedrai Dio così come egli è.

 

VANGELO – Una pagina sconvolgente, quella delle beatitudini, che rovescia e mette in crisi il nostro modo abituale di pensare. Eppure oggi la liturgia ci indica questa pagina come “la carta costituzionale” della vita cristiana, la strada da percorrere per raggiungere la santità. Le beatitudini sono l’annuncio che il regno di Dio è arrivato ed esige un profondo cambiamento di vita per entrare a farne parte. Gesù ti dice che si diventa pienamente figli di Dio (e quindi santi), quando si è capaci di vivere la vita così come l’ha vissuta lui: facendoti per prima cosa povero nello spirito, cioè mettendoti in un atteggiamento di totale apertura a Dio e dipendenza da lui. Solo chi è capace di questo può possedere il regno di Dio. Le altre beatitudini sono una manifestazione concreta di questo atteggiamento di povertà.

 

PER VIVERE DA DISCEPOLO DI GESU’…. Oggi devo avere il coraggio di decidermi per la santità. Sant’Agostino, pensando ai santi e meditando sulle loro virtù, affermava:<< Se questi e queste ….. perché non io?>>.

SULL’ ESEMPIO DI MARIA … Questa festa è l’occasione per domandarmi cosa sto facendo di concreto per vivere quotidianamente nella santità evangelica. Chiedo a Maria di aiutarmi a capire qual è la via da seguire per ottenere la ricompensa nel regno dei cielo.

Sulla Tua Parola