Festa della “Beata Vergine Maria di Guadalupe”

1547797947Il 9 Dicembre 1531, l’indio Juan Diego ha la visione di una Donna. Ella lo chiama per nome e gli dice di essere << la sempre Vergine Maria, la Madre del verissimo ed unico Dio>>. Poi gli ordina di recarsi dal vescovo e di riferire che desidera la costruzione di un tempio ai piedi del colle. L’indio corre dal vescovo, ma non viene creduto. Tornando a casa, incontra nuovamente Maria che gli chiede di tornare dal vescovo il giorno seguente. Questi gli chiede un segno. La Vergine promette di darglielo l’indomani. Ma il giorno seguente, Juan Diego non può più tornare: un suo zio è moribondo per cui deve cercare un sacerdote; così decide di cambiare strada per evitare l’incontro con la Signora. Ma la Signora è là, davanti a lui: Juan Diego si prostra ai suoi piedi e le chiede perdono per non poter compiere l’incarico affidatogli, a causa della malattia dello zio. La Signora lo rassicura: suo zio è guarito e lo invita a salire sul colle per cogliere dei fiori. L’indio con meraviglia trova dei “fiori di Castiglia”: è il 12 Dicembre e né la stagione né il luogo sono adatti alla crescita dei fiori del genere. Ne raccoglie un mazzo e li porta al vescovo come prova della verità delle apparizioni. Giunto al cospetto del presule, apre il suo mantello e all’istante su di esso s’imprime l’immagine della Vergine, visibile ancora oggi dopo 5 secoli. Di fronte a tale prodigio, il vescovo cade in ginocchio e, con lui, tutti i presenti. La mattina dopo, Juan Diego lo accompagna sul luogo in cui la Madonna ha chiesto che le sia innalzato un santuario.