Preghiera a Sant’Antonio Abate

images.jpg

Glorioso Sant’Antonio, esempio di penitenza e di fortezza cristiana ardente di carità, continua a proteggerci dal maligno che tu hai saputo incantare. Continua a guidarci, con l’esempio della tua virtù e fedeltà, all’amicizia con Dio Padre, con Gesù e Maria.

Glorioso Sant’Antonio, esempio di docilità alla voce di Dio che ti chiama alla vita perfetta per il regno dei cieli e ti ha costituito maestro di spiritualità e di preghiera, guidaci nel cammino della fede e nella preghiera. insegna a noi, che ti onoriamo come protettore, a seguire Gesù e a vivere il nostro Battesimo, aprendo il cuore alle necessità  dei fratelli.

Tu che con Maria, gli angeli ei santi , canti la lode perenne a Dio, ottienici il dono di offrire la nostra vita, come Gesù, per la salvezza dei fratelli e di vivere sempre da veri cristiani, consapevoli di dover dare a tutti testimonianza della novità che Cristo risorto ha offerto al mondo. Egli vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen

II DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (Anno C)

Questo, a Cana di Galilea, fu l’inizio dei segni compiuti da Gesù.

Ascolta il Vangelo audio
 http://dolcesentire.myblog.it/media/01/01/559339713.mp3

Vangelo  Gv 2,1-12

05-Nozze_Cana-1.jpg

In quel tempo, vi fu una festa di nozze a Cana di Galilea e c’era la madre di Gesù. Fu invitato alle nozze anche Gesù con i suoi discepoli.

 Venuto a mancare il vino, la madre di Gesù gli disse: «Non hanno vino». E Gesù le rispose: «Donna, che vuoi da me? Non è ancora giunta la mia ora». Sua madre disse ai servitori: «Qualsiasi cosa vi dica, fatela».

Vi erano là sei anfore di pietra per la purificazione rituale dei Giudei, contenenti ciascuna da ottanta a centoventi litri. E Gesù disse loro: «Riempite d’acqua le anfore»; e le riempirono fino all’orlo. Disse loro di nuovo: «Ora prendetene e portatene a colui che dirige il banchetto». Ed essi gliene portarono.

 Come ebbe assaggiato l’acqua diventata vino, colui che dirigeva il banchetto – il quale non sapeva da dove venisse, ma lo sapevano i servitori che avevano preso l’acqua – chiamò lo sposo e gli disse: «Tutti mettono in tavola il vino buono all’inizio e, quando si è già bevuto molto, quello meno buono. Tu invece hai tenuto da parte il vino buono finora».

Questo, a Cana di Galilea, fu l’inizio dei segni compiuti da Gesù; egli manifestò la sua gloria e i suoi discepoli credettero in lui.

 

COMMENTO AL VANGELO

Le feste di matrimonio, al tempo di Gesù, duravano un’intera settimana, e gli sposi si accollavano gli invitati per tutti i giorni. Quindi, non era infrequente il rischio di calcolare male il quantitativo di cibo e di vino che era necessario per tutti: in questo contesto il Signore compie il primo segno che manifesta al mondo la sua presenza. Hai notato come in questo brano non si parli affatto degli sposi? Il motivo è chiaro: lo sposo è Gesù e la sposa è Maria, che invitano tutta l’umanità a partecipare alla gioia di Dio. Ma questa è solo un’anticipazione dell’ora in cui il matrimonio verrà celebrato: il matrimonio giusto sarà quello della passione, l’altare su cui esso si consumerà è la croce, ed il santuario è il Calvario.


Sull’esempioo di Maria..

Sono tante le persone che ci chiedono una preghiera per le loro intenzioni. assicurerò loro la mia vicinanza, ma le inviterò anche a rivolgersi personalmente a Dio, a Gesù, come fece Maria, esortandoli a una fiducia incondizionata.


Pregate mentre lavorate

Potete pregare mentre lavorate.preghiera, madre teresa, pregare mentre si lavora

Il lavoro non impedisce la preghiera

e la preghiera non impedisce il lavoro.

Richiede solo che ci si rivolga

con la mente a Lui:

Io Ti amo, Dio

                                                  Io ho fede in Te

                                                  Io credo in Te

                                               Ho bisogno di te ora.

                                          Piccole cose come queste.

                                         Sono preghiere meravigliose.

 

Madre Teresa

1° Gennaio

Maria Santissima Madre di Dio

1 gennaio, capodanno 2013, 2013, ottava di natale, divina maternità di maria, giornata della pace, primo giorno dell'anno, 01-01-2013

Nel primo giorno dell’anno, la divina Provvidenza ci raduna per una celebrazione che ci commuove per la ricchezza delle sue corrispondenze: Il Capodanno civile s’incontra con il culmine dell’ottava di Natale, in cui si celebra la Divina Maternità di Maria, e questo incontro trova una sintesi felice nella giornata mondiale della Pace.

 

Preghiera di affidamento a Maria

Madre di Dio e madre nostra, vogliamo oggi affidarti il futuro che ci attende, chiedendoti di accompagnarci nel nostro cammino. Con questo semplice atto di affidamento intendiamo vivere con te, che conosci la nostra vita, la nostra storia e le nostre sofferenze.

Maria, Madre di Dio e Madre nostra, ci affidiamo a te, in questo primo giorno dell’anno, per vivere una vita santa, affinchè possiamo aiutarti a portare a compimento il disegno d’amore che il Padre ha su ognuno di noi. Accompagnaci ogni giorno alla fonte della gioia. Implora per noi il Figlio tuo diletto, perché ci doni in abbondanza lo Spirito santo, lo spirito di verità che è sorgente di vita.

O Maria, umile di cuore, ricordati di noi quando siamo nel peccato. Donaci per mezzo del tuo cuore immacolato la salute spirituale, e uniti a te di amare e di adorare il Signore Gesù.

O Madre che conosci le sofferenze e le speranze della Chiesa e del mondo, assisti i tuoi figli nelle quotidiane prove che la vita riserva a ciascuno e fa che le tenebre non prevalgono sulla luce.

A te Aurora della salvezza affidiamo il nostro cammino, perché sotto la tua guida tutti gli uomini scoprano Cristo, luce del mondo e unico salvatore. Amen